10 agosto 2011

4 agosto 2011

Accetti l'invito ad un compleanno che hai declinato per tre anni di seguito.
Jeans più stretti del solito, qualche chilo in meno, scarpe alte.
Baci e abbracci con ex compagne di classe. "Ti trovo proprio bene",  "Non l'avrei mai detto che saresti stata proprio tu a spostarti per studiare!", "Guardati!, sembri un'altra!".
"Come sei cambiata!".
E sorridi, imbarazzata.

No. Sono la stessa cogliona di sempre. Con i jeans stretti, qualche chilo in meno, e le scarpe alte.

6 commenti:

  1. Uno, nessuno, centomila. Non è detto però che le impressioni degli altri siano totalmente errate :) Siamo fatti sia di quel che sappiamo di noi, sia di quel che gli altri percepiscono di noi. E decisamente si cambia in ogni istante della propria vita, siamo un divenire, un fiume che scorre. E qui ci metto la citazione più stra-abusata e scontata della storia: "panta rei os potamos" XD

    RispondiElimina
  2. Forse è tardi.. :P

    Giusto, giusto, giusto. Però.
    Io sempre cogliona, rimango. ;P

    RispondiElimina
  3. LA differenza sta nell'aver messo le scarpe con il tacco alto.
    Prova ad uscire con le stesse amiche con le ballerine e vedi l'effetto...
    (straparlo come sempre)

    RispondiElimina
  4. Ma dici la verità!
    Meglio ancora, scarpe da ginnastica.
    E allora sì che sarò la solita cogliona, con le solite scarpe. ;)

    RispondiElimina
  5. Io nascondo sempre un paio di ballerine in borsa.. mi sento meno cogliona al piano terra.

    Un caro saluto, Sara

    RispondiElimina